Published on novembre 2nd, 2016 | by Staff

Il Burro di Karitè può diventare rancido?

I prodotti a base di essenze, di paste e di oli naturali sono uno splendido toccasana per qualsiasi tipologia di pelle, ed hanno un vantaggio a dir poco enorme: non scadono mai e, dunque, non vanno mai a male. Questo, però, non significa che siano eterni: nel caso dei grassi di natura vegetale, infatti, non si parla di scadenza ma di irrancidimento. E quando il grasso del burro di Karitè diventa rancido, spalmarlo sulla pelle potrebbe diventare abbastanza sgradevole. Mai dannoso, ma sicuramente sgradevole!

In natura esistono comunque dei grassi sicuramente più stabili di altri, e fortunatamente il burro di Karitè appartiene a questa elite: i grassi di natura vegetale contenuti nello Shea Butter, infatti, sono davvero duraturi e tendono a mantenere invariata la loro freschezza per un tempo davvero prolungato. Detto questo, anche il burro di Karitè può cedere e diventare rancido. Cosa potrete fare, dunque, per evitare questo inconveniente tutt’altro che piacevole?

Anche se probabilmente non lo sapete, tutto dipende dall’olio: un vero e proprio termometro della salute del vostro burro di Karitè. Quando l’olio contenuto dalla pasta viene sottoposto ad una serie di condizioni ambientali specifiche, tende ad ossidarsi, causando il conseguente irrancidimento del burro. Non è facile che avvenga perché, a supportare il burro, ci pensano gli anti-ossidanti: dei veri e propri conservanti naturali che favoriscono la tenuta dell’olio. Eppure può capitare.

E quando capita, capita per via della luce, dell’esposizione al sole e dell’alto grado di umidità. Il segreto per non far irrancidire il burro di Karitè sta proprio qui: la conservazione in vasetti che possano proteggerlo dai raggi UV del sole, e possibilmente la conservazione in luoghi freschi e privi di umidità. Inoltre, l’ossidazione dell’olio può essere scatenata anche dal contatto prolungato con l’ossigeno: cercate dunque di chiudere sempre il barattolo, una volta che avrete preso la noce del vostro burro. Che può irrancidirsi, ma non tanto facilmente: soprattutto se darete retta ai nostri consigli.

Tags:


About the Author



Back to Top ↑