Published on aprile 19th, 2016 | by Staff

Le proprietà cosmetiche del burro di Karitè

Pur essendo in grado di curare molti problemi fisici, il burro di Karitè (almeno in Occidente) è conosciuto soprattutto per le sue grandi proprietà cosmetiche. Sono infatti numerosi i prodotti di bellezza a base di burro di Karitè attualmente in commercio, ognuno dei quali in grado di trattare una zona specifica del corpo, a seconda delle esigenze. Vediamo insieme quali sono le proprietà cosmetiche dello Shea butter e gli usi che se ne possono fare per curare il proprio aspetto.

Burro di Karitè: l’ideale per la cura del viso

Il burro di Karitè risulta essere una soluzione perfetta per la cura del viso. Il motivo è che, grazie alle sue proprietà emollienti ed elasticizzanti, è in grado di rimuovere in modo del tutto naturale le cellule morte della pelle, e di favorirne la sostituzione senza per questo ricorrere a prodotti artificiali. Non è un caso, infatti, che il burro di Karitè venga spesso utilizzato come struccante: la rimozione del make up con i prodotti convenzionali può alla lunga stressare la cute e provocare numerosi inestetismi.

Una crema per il corpo a base di burro di Karitè

Lo Shea butter si rivela un comodo alleato anche per la cura delle imperfezioni della pelle, quali ad esempio le smagliature e gli inestetismi provocati dalla secchezza della cute. Inoltre, trattandosi di una sostanza grassa, il burro di Karitè è in grado di catturare i profumi e di mantenerli per un tempo decisamente superiore alle normali creme per il corpo. Basta infatti spalmarne uno strato e spruzzargli sopra poche gocce del profumo preferito per avere una crema dall’odore delizioso e, ovviamente, sana e del tutto naturale.

Gli altri usi cosmetici del burro di Karitè

Il burro di Karitè può essere utilizzato anche per la cura dei capelli e per la risoluzione di problemi al cuoio capelluto, come ad esempio i fastidiosi arrossamenti dovuti alla psoriasi. Inoltre, essendo un potente idratante, il burro di Karitè è l’ideale per ammorbidire le labbra screpolate e la pelle del corpo. Soprattutto nelle zone maggiormente soggette a perdita di elasticità e a indurimento della cute, come i gomiti, i talloni e le ginocchia.

Tags:


About the Author



Back to Top ↑